LU-VE: REFRIGERAZIONE “GREEN” PER IL PIU’ GRANDE CENTRO LOGISTICO ALIMENTARE IN RUSSIA

Per il progetto, che fa capo al colosso internazionale Maersk, la multinazionale varesina ha fornito l’impianto di refrigerazione a CO2 che utilizza tecnologie green a basso impatto ambientale



Uboldo, 4 agosto 2020 LU-VE Group ha fornito le macchine per la refrigerazione del più grande centro logistico alimentare in Russia, raffreddato a CO2. La multinazionale varesina quotata su MTA, e tra i maggiori costruttori mondiali nel settore degli scambiatori di calore ad aria, si è infatti aggiudicata la commessa di Maersk, il più importante armatore di navi mercantili al mondo, per la progettazione e l’installazione dell’impianto di raffreddamento a CO2.

Maersk, con sede a Copenaghen e oltre 100.000 dipendenti, opera nei settori del trasporto marittimo, energia e della cantieristica navale. Oltre a essere leader nel trasporto alimentare refrigerato, l’azienda ha realizzato a San Pietroburgo un centro logistico per la conservazione di frutta, verdura e altri beni deperibili (freschi e surgelati). La struttura, realizzata con le più avanzate tecnologie per il risparmio energetico, ha una superficie di 23.700 mq, una capacità di stoccaggio di 50.000 tonnellate e la capacità di gestire 200 camion al giorno.

Il centro logistico è dotato di tre aree a diverse temperature (+13°, +6° e -25°) ed è la più grande struttura russa che impiega l’anidride carbonica (CO2) per la refrigerazione. Gli evaporatori “Value defender” (prodotti a nello stabilimento di Lipestk, Russia) garantiscono un significativo risparmio di energia, recuperando il calore di compressione del fluido refrigerante e sono installati nelle celle a bassa e media temperatura. I condensatori sono invece modelli “Big Giant”, prodotti a Uboldo (Italia), e sono dotati di motori elettronici per minimizzare i consumi energetici. La struttura di San Pietroburgo è stata realizzata in collaborazione con il partner locale Ingenium, specializzato nella costruzione di complessi agro-alimentari, centri logistici e commerciali a basso impatto ambientale.

L’attenzione all’ambiente rappresenta da sempre uno dei tratti distintivi di LU-VE Group e lo ha reso pioniere nel suo settore, utilizzando sempre più i fluidi refrigeranti naturali (anidride carbonica, ammoniaca e HC idrocarburi) con ODP (Ozone Depletion Potenzial) e GWP (Global Warming Potential) nulli o ridottissimi. Nel 2004, il Gruppo è stato pioniere nell’impiego della CO2, con la realizzazione del primo impianto transcritico d’Europa. Oggi - insieme ad altre aziende innovatrici - sta lavorando al progetto per spostare l’“equatore della CO2” e rendere questa soluzione efficiente anche in aree del mondo (come India e Medio Oriente) dove prima le condizioni climatiche impedivano l’uso di questa tecnologia.

Matteo Liberali, CEO di LU-VE Group, ha così commentato: “Siamo molto orgogliosi di aver contribuito alla realizzazione del centro logistico di Maersk, che è il più grande mai costruito in Russia a usare la tecnologia green che impiega l’anidride carbonica: un fluido refrigerante naturale a basso o nullo impatto ambientale. Questo progetto commessa conferma la nostra crescita nel Paese e la buona collaborazione con i partner locali. La catena del freddo è un settore strategico perché che assicura la continua disponibilità al pubblico di merci e prodotti freschi o surgelati. Se consideriamo che l’80% dei prodotti alimentari avviati al consumo sono stati prodotti o trasformati presso stabilimenti dotati di attrezzature frigorifere, si comprende l’enorme importanza dell’ottimizzazione di questi impianti, ai fini del risparmio energetico. In anticipo sui tempi LU-VE ha sviluppato prodotti ‘green’ ed ecosostenibili, per poi puntare - ormai da oltre 15 anni - sull’uso dei fluidi refrigeranti naturali a basso impatto ambientale”.

LU-VE: positive trend in first half-year 2020

Uboldo, 16 July 2020 – LU-VE issues figures for the first half-year of 2020:
  • invoiced products at 30 June 2020 increase to €190.9 million (+3.8% compared to 30 June 2019);
  • order book at 30 June 2020 increases to €82.0 million (+9.0% compared to 30 June 2019).
On a like-for-like basis1 invoiced products at 30 June registered a decrease of 11.3%. The order book figure at June 30, 2020 compares with a figure at June 30, 2019 which is consistent in terms of the scope of the Group.

"The turnover numbers of the first half of 2020 are not given like all the others; instead, they follow some of the most difficult months experienced by the global economy from the post-Second World War period to today," commented Matteo Liberali, CEO of LU-VE. "The growth strategy implemented in recent years, based on geographical diversification and application of LU-VE products, investments in research and development, training and process innovation, as well as on targeted acquisitions, has allowed LU-VE to manage the impact of the Covid-19 pandemic, limiting as much as possible its effect on turnover level, production volumes and company organization. It is not easy to predict what will happen in the coming months, but we look to the future with the awareness of having a solidity that will allow us to face any new challenges that the long wave of the pandemic might have in reserve for the market ".

1 Excluding the results of AL Air Division acquired from Alfa Laval, consolidated since May 2019.

* * *

Pursuant to paragraph 2 of article 154 bis of the Consolidated Law on Finance, the manager responsible for preparing the corporate accounting documents, Eligio Macchi, declares that the accounting information contained in this press release corresponds to the documentary results, books and accounting records.

LU-VE: positivo andamento nel primo semestre 2020

Uboldo, 16 July 2020 – LU-VE issues figures for the first half-year of 2020:
  • invoiced products at 30 June 2020 increase to €190.9 million (+3.8% compared to 30 June 2019);
  • order book at 30 June 2020 increases to €82.0 million (+9.0% compared to 30 June 2019).
On a like-for-like basis1 invoiced products at 30 June registered a decrease of 11.3%. The order book figure at June 30, 2020 compares with a figure at June 30, 2019 which is consistent in terms of the scope of the Group.

"The turnover numbers of the first half of 2020 are not given like all the others; instead, they follow some of the most difficult months experienced by the global economy from the post-Second World War period to today," commented Matteo Liberali, CEO of LU-VE. "The growth strategy implemented in recent years, based on geographical diversification and application of LU-VE products, investments in research and development, training and process innovation, as well as on targeted acquisitions, has allowed LU-VE to manage the impact of the Covid-19 pandemic, limiting as much as possible its effect on turnover level, production volumes and company organization. It is not easy to predict what will happen in the coming months, but we look to the future with the awareness of having a solidity that will allow us to face any new challenges that the long wave of the pandemic might have in reserve for the market ".

1 Excluding the results of AL Air Division acquired from Alfa Laval, consolidated since May 2019.

* * *

Pursuant to paragraph 2 of article 154 bis of the Consolidated Law on Finance, the manager responsible for preparing the corporate accounting documents, Eligio Macchi, declares that the accounting information contained in this press release corresponds to the documentary results, books and accounting records.

LU-VE PARTICIPATES IN THE EUROPEAN RESEARCH PROJECT "EASYGO" TO FIGHT CLIMATE CHANGE

The EU-funded project within the Horizon 2020 programme will enable the multinational based in Varese to deepen its knowledge of new geothermal technologies, the use of which reduces greenhouse gas emissions in the generation of electricity.

Uboldo, 13 July 2020LU-VE Group, the Italian multinational listed on the MTA and the world's third-largest operator in the air heat exchanger sector, continues its commitment to combating climate change. The Group has been awarded participation in the international research project "EASYGO - Efficiency and Safety in Geothermal Operations" which will deal with the development of geothermal electricity production technology.

The project, financed by the European Union under the Horizon 2020 programme with a €3.4 million fund, represents an important opportunity for the company to deepen its knowledge of new technologies, the use of which allows the reduction of greenhouse gas emissions in electricity production. In addition, it will allow LU-VE to further develop its Emeritus technology, a cooling device, patented and developed in collaboration with the Polytechnic University of Milan, that achieves 400% higher performance than traditional dry ventilated exchangers, with significant energy saving and noise reduction.

The leader of the project, directed by researcher Maren Brehme, is TU Delft (Delft University of Technology), the largest and oldest public technical university in the Netherlands, working alongside three other universities (ETH Zurich, RWTH Aachen and the Polytechnic University of Milan) and 10 international industrial partners, including LU-VE Group.

Geothermal energy will play a key role in the energy transition process as part of climate change mitigation: in this regard, how to operate a geothermal system as efficiently and safely as possible is one of the key challenges. The goal of EASYGO is to answer this question from different perspectives, integrating geology, geophysics, geochemistry, advanced thermodynamic modeling, and process engineering.

"Since 1986, ahead of our time, we have applied a policy of research, development and technical innovation with a particular focus on environmental issues. Today, more than ever, there is an urgent need to develop environmentally sustainable technologies that reduce pollution while maintaining high levels of efficiency. For this reason, we are immensely proud to contribute to this important project by working alongside researchers and experts from all over Europe”, commented Iginio Liberali, President of LU-VE Group. "EASYGO represents an important opportunity for LU-VE, allowing us to deepen our knowledge of new green technologies that we can use for the development of our products. Our focus on sustainability has always been one of our hallmarks: research and investment in environmentally friendly solutions are the two key points that have enabled the Group's economic growth. We are increasing the use of natural refrigerant fluids (carbon dioxide, ammonia, and propane) with zero or very low ODP (ODP) and GWP (Global Warming Potential) in our heat exchangers, replacing hydrofluorocarbons (HFCs). In 2004, LU-VE, the first in Europe, built a transcritical CO2 plant. Innovation and respect for the environment are in our DNA."

LU-VE PARTECIPA AL PROGETTO DI RICERCA EUROPEO “EASYGO” PER LA LOTTA AL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Il progetto finanziato dall’UE nell’ambito del programma Horizon 2020 consentirà alla multinazionale varesina di approfondire la conoscenza di nuove tecnologie in campo geotermico, il cui utilizzo permette di ridurre le emissioni di gas serra nella produzione di energia elettrica.

Uboldo, 13 luglio 2020 – Prosegue l’impegno nella lotta al cambiamento climatico da parte di LU-VE Group, multinazionale varesina quotata su MTA e terzo operatore mondiale nel settore degli scambiatori di calore ad aria. Il Gruppo si è aggiudicato la partecipazione al progetto di ricerca internazionaleEASYGO - Efficiency and Safety in Geothermal Operations” (efficienza e sicurezza nelle operazioni geotermiche, che si occuperà di sviluppare la tecnologia della produzione di energia elettrica per via geotermica.

Il progetto, finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Horizon 2020 con un fondo da 3,4 milioni di euro, rappresenta per la società un’importante opportunità per approfondire la conoscenza di nuove tecnologie, il cui utilizzo permette di ridurre le emissioni di gas serra nella produzione di energia elettrica. Inoltre, permetterà a LU-VE di sviluppare ulteriormente la tecnologia Emeritus, dispositivo di raffreddamento brevettato e sviluppato in collaborazione con il Politecnico di Milano che permette di ottenere prestazioni superiori del 400% rispetto ai tradizionali scambiatori ventilati a secco, con un cospicuo risparmio di energia e riduzione della rumorosità.

Il capofila del progetto, guidato dalla ricercatrice Maren Brehme, è la TU Delft, la più grande e antica università tecnica pubblica dei Paesi Bassi, a cui si affiancano altre 3 università (ETH Zurigo, RWTH di Aachen e Politecnico di Milano) e 10 partner industriali internazionali, tra cui LU-VE Group.

L'energia geotermica svolgerà un ruolo chiave nella transizione energetica come parte della mitigazione del cambiamento climatico: in quest’ottica, il come far funzionare un sistema geotermico nel modo più efficiente e sicuro possibile è una delle sfide chiave. L’obiettivo di EASYGO è rispondere a questa domanda da diverse prospettive, integrando geologia, geofisica, geochimica, modellazione termodinamica avanzata e ingegneria di processo.

Dal 1986, in anticipo sui tempi, abbiamo applicato una politica di ricerca, sviluppo e innovazione tecnica con un’attenzione particolare alle tematiche ambientali. Oggi più che mai c’è urgente bisogno di sviluppare tecnologie ecosostenibili che permettano di ridurre l’inquinamento pur mantenendo elevati livelli di efficienza. Per questo siamo molto orgogliosi di dare il nostro contributo a questo importante progetto lavorando al fianco di ricercatori ed esperti da tutta Europa – ha commentato Iginio Liberali, presidente di LU-VE Group – “EASYGO rappresenta una importante opportunità per LU-VE, consentendoci di approfondire la conoscenza di nuove tecnologie verdi che potremo utilizzare per lo sviluppo dei nostri prodotti. L’attenzione alla sostenibilità rappresenta da sempre uno dei nostri tratti distintivi: ricerca e investimenti in soluzioni rispettose dell’ambiente sono i due punti fondamentali che hanno consentito la crescita economica del Gruppo. Stiamo potenziando sempre di più l’impiego nei nostri scambiatori di calore dei fluidi refrigeranti naturali (anidride carbonica, ammoniaca e propano) con zero o bassissimo ODP (Ozone Depletion Potenzial) e GWP (Global Warming Potential), in sostituzione degli idrofluorocarburi (HFC). Nel 2004, LU-VE per prima in Europa, ha realizzato un impianto transcritico a CO2. L’innovazione e il rispetto dell’ambiente sono nel nostro DNA”.

LU-VE GROUP: NUOVI TABLET IN DONO PER LA SCUOLA DIGITALE

Il futuro passa attraverso i nostri i figli e la loro educazione.

Proprio per questo, nel maggio scorso, LU-VE Group aveva istituito il Bando della Borsa di Studio “Chiara ed Ermanno Liberali” per l’assegnazione di 100 tablet, destinati ai figli dei collaboratori del Gruppo che, a causa del Covid-19, si sono trovati costretti a seguire le lezioni scolastiche da casa. A seguito della valutazione della Commissione, erano stato assegnati 98 tablet, alle famiglie che rientravano nei parametri del Bando.

Considerate le richieste di partecipazione pervenute oltre la scadenza dei termini, la Direzione Aziendale e la Commissione avevano deliberato di riaprire i termini per concorrere a una nuova assegnazione.

A fronte delle numerose richieste pervenute, in via eccezionale, la Commissione ha ritenuto di assegnare 30 ulteriori tablet (anziché i 6 originariamente previsti) per sostenere le nuove forme di attività didattiche che prevedono il collegamento e lo studio da remoto.

A tutti i ragazzi vincitori del concorso, LU-VE Group augura buone vacanze e soprattutto buono studio in viste del prossimo anno scolastico.

Il futuro cammina sulle vostre gambe.

AGGIORNAMENTO OPERATIVITA’ DEGLI STABILIMENTI

Uboldo (VA) – 23 Giugno 2020: LU-VE Group comunica che le attività produttive degli stabilimenti sono tornate quasi interamente a ritmo regolare.

In tutti le sedi, sono attive le misure previste per garantire la sicurezza e la salute di lavoratori e operatori (sanificazioni, controllo del mantenimento delle distanze di sicurezza, disinfettanti, mascherine e guanti protettivi, controllo della temperatura all’ingresso, ecc.). Tutte le aziende del Gruppo (in Italia e all’estero) e tutti i collaboratori osservano le linee guida fornite dal Ministero della Salute (e delle rispettive autorità sanitarie nazionali), dall’Organizzazione Mondiale della Sanità sulle precauzioni da adottare; nonché le indicazioni fornite da Confindustria.

La produzione degli stabilimenti italiani è tornata ai livelli precedenti l’emergenza Covid-19, con capacità produttiva pari al 100%. L’attività degli uffici procede regolarmente in smart working, in base alle vigenti norme nazionali.

Le sedi di Gliwice (Polonia) e Asarum (Svezia) funzionano a ritmo normale, mentre quelle di Novosedly (Rep. Ceca), Vantaa (Finlandia) e Lipetsk (Russia) hanno invece aumentato il volume di produzione per soddisfare la crescita della domanda.

Ottimi risultati anche nello stabilimento di Tianmen (Hubei, Cina), riaperto alla metà di marzo, che lavora a ritmi regolari pre-Covid, con la prospettiva di un consistente aumento dei volumi nelle prossime settimane.

Regolare il livello di efficienza produttiva nella fabbrica di Jacksonville (Texas, USA).

Sta progressivamente riprendendo l’attività dei plant indiani di Bhiwadi (Rajasthan, India) e Sarole (Maharashtra, India), che dopo a un periodo di lock down, hanno raggiunto ora il 70% della capacità produttiva.

Per informazioni più dettagliate, vi preghiamo di rivolgervi ai vostri contatti usuali di LU-VE Group.
Aggiornamenti costanti sono pubblicati sul sito del Gruppo.