Stefano Paleari (CdA LU-VE Group) nel Pontificio Consiglio della Cultura

Lo scorso 11 novembre, Papa Francesco ha nominato il prof. Stefano Paleari (membro del Consiglio di Amministrazione di LU-VE Group) “Consultore del Pontificio Consiglio della Cultura”, insieme ad altre personalità della cultura e del mondo accademico.
Il Consiglio Pontificio ha lo scopo “favorire le relazioni tra la Santa Sede e il mondo della cultura, promuovendo in particolare il dialogo con le varie culture”.
Il professor Paleari è membro indipendente del CdA di LU-VE Group dal 2015. Insegna “Analisi dei Sistemi Finanziari” presso l’Università di Bergamo, ateneo di cui è stato Rettore dall’ottobre 2009 al settembre 2015.
Dal maggio 2017 è Commissario straordinario di Alitalia. In precedenza era stato presidente CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) e presidente del Comitato di coordinamento di Human Technopole
A Stefano Paleari i complimenti di LU-VE Group!

LU-VE: virtual tour in our stand @ Gulfood Dubai



Day 2 for LU-VE @ Gulfood Manufacturing expo in Dubai (29-31 October, Dubai World Trade Centre). Discover our stand in Hall 7 - Stand B7-4.

LU-VE CONFERMA LA CRESCITA

Uboldo, 15 ottobre 2019 – LU-VE conferma l’andamento positivo e comunica i dati del terzo trimestre:
  • il fatturato prodotti al 30 settembre 2019 cresce a € 284.728 milioni (+26,1% rispetto al 30 settembre 2018).
  • il portafoglio ordini al 30 settembre 2019 cresce a € 83.947 milioni (+102,9%% rispetto al 30 settembre 2018).
A parità di perimetro[1]  il fatturato prodotti al 30 Settembre 2019 cresce del 7,3% e il portafoglio ordini cresce del 17,5%. Questi risultati particolarmente positivi derivano dalla sempre maggiore importanza della componente “green” del fatturato del Gruppo LU-VE, nonché dalla sempre maggiore diversificazione del fatturato per nicchia di applicazioni e per mercati geografici di destinazione, che rendono il livello di attività del Gruppo poco dipendente dal generale ciclo economico.

 *   *   *

  Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari Eligio Macchi dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili. 

[1] Esclusi i risultati del primo semestre della controllata statunitense Zyklus Heat Transfer, consolidata da luglio 2018, e esclusi i risultati della divisione AL Air acquisita da Alfa Laval, consolidati da maggio 2019.

Ciao, mi presento, sono la vostra newsletter!

È da tempo che volevamo scambiare due parole, ma le continue novità che hanno coinvolto il gruppo hanno preso prepotentemente la precedenza. Abbiamo quindi deciso di creare questo punto d’incontro cartaceo e online, attraverso il blog, per scambiare qualche idea, sapere come state, farvi sapere come stiamo andando.

L’AUGURIO DEL PRESIDENTE

Penso che l’azienda sia una grande comunità.
Comunità di lavoro, dove con intelligenza, passione e dedizione, molti individui esprimono la loro professionalità e il loro senso di colleganza, che arrivi a stabilire una sottile rete di affetti che ci leghi tutti.

LU-VE CLUB


A giugno è stato inaugurato il LU-VE Club, un’iniziativa per proporre eventi locali cui si può partecipare con la propria famiglia o come opportunità per stare insieme coi colleghi, ma anche un
catalogo per beneficiare delle convenzioni che LU-VE ha stipulato a favore dei suoi collaboratori e un calendario di momenti gioviali di condivisione organizzati dal Comitato direttivo. Il comitato è aperto a tutti: partecipate!
Tenetevi in contatto, e di tanto in tanto date una sbirciatina al blog https://luveclub.blogspot.com/
È necessario iscriversi al blog per ricevere le mail con un link dove potrete leggere le ultime
notizie e opportunità di svago e convenienza.
Buon divertimento!

NESSUNO E’ LASCIATO INDIETRO

A luglio 2018 alla Tecnair, la specialista del close control air conditioning di LU-VE Group, i flussi di ordini che fino a quel giorno affluivano alle linee di produzione in modo abbondante e regolare, mantenendo i livelli di vendita in linea col budget programmato, d’improvviso diminuiscono e l’azienda rallenta. Senza dati certi provenienti dal mercato che possano giustificare il rallentamento inaspettato, i 20 collaboratori alla produzione rimangono con un limitato carico di lavoro rispetto allo standard che causa inquietudine e qualche preoccupazione per il possibile ricorso alla cassa d’integrazione.